Immagine testata
Chi siamo
Cosa crediamo
Attività
Eventi & Agenda
Contattaci
Diario della comunità
immagine Holy Trinity Church


Centro Culturale Protestante "Pietro Martire Vermigli"

Logo Fiaconia Valdese Fiorentina
Logo Claudiana Libreria Claudiana

Logo 500 Riforma
Il sito italiano riformaprotestante2017.org


Sottoscrizioni in corso

Terremoto. La Federazione delle chiese evangeliche in Italia rilancia la sua sottoscrizione

La FCEI inaugura la prima struttura

Gli aiuti degli evangelici alla popolazione colpita

Tempo per il creato ECEN - European Christian Environmental Network

Appello delle chiese al G7 per affrontare la carestia

Il G7 deve affrontare la fame nel mondo


Un anno terribile per i diritti umani. Amnesty International ha pubblicato il suo rapporto annuale sulla situazione dei diritti umani in 160 paesi del mondo tra il 2014 e il 2015

Manuale della Commissione chiesa e società della Conferenza delle chiese europee sull'impegno per il rispetto dei diritti umani (pdf)

banner consiglio ecumenico delle chiiese
 

Loderò la parola di Dio; loderò la parola del Signore
Salmo 56,10

Gesù ha detto:
«Le parole che vi ho detto sono spirito e vita»
Giovanni 6,63



linea_verde



Il 500° anniversario della Riforma

Firenze: incontri ed eventi ottobre-dicembre

L’adesione dei valdesi alla Riforma

La storia della Riforma animata dai personaggi della Playmobil

La Riforma protestante in 2 minuti

 

Rifugiati e migranti

ll presidente FCEI, Luca Maria Negro, scrive al presidente della Repubblica Mattarella

Il moderatore Bernardini: “Pensare di innalzare muri Ť semplicemente disumano”

Dossier Statistico Immigrazione 2017 di Idos-Confronti

Corridoi umanitari. Nuovi arrivi il 29 e 30 agosto a Roma Fiumicino


 

linea_verde
.

Il regno dei cieli è simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, uscirono incontro allo sposo.
Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le lampade, ma non presero con sé olio; le sagge invece, insieme alle lampade, presero anche dell'olio in piccoli vasi.
Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e dormirono.
A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, andategli incontro! Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. E le stolte dissero alle sagge: Dateci del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono. Ma le sagge risposero: No, che non abbia a mancare per noi e per voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene.
Ora, mentre quelle andavano per comprare l'olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: Signore, signore, aprici!
Ma egli rispose: In verità vi dico: non vi conosco.
Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l'ora.

Matteo 25, 1-13

 

Abbiamo ascoltato inviti alla festa, l’attesa gioiosa di un matrimonio, di uno sposo; l’eccitazione felice delle giovani attorno alla sposa.
Ma, al tempo stesso, questa parabola di Gesù è una parabola di giudizio e si presenta a noi in modo controverso.
Ci chiediamo: nel giorno in cui facciamo memoria della morte, nel 1942 ad Auschwitz, di Edith Stein, abbiamo bisogno di una porta che si chiude e di un Cristo che esclude?
Prendiamo dunque le distanze da questo testo?
Noi, che speriamo nella salvezza per tutti al di là degli steccati confessionali, come leggiamo questo testo provocatorio?


C’è la questione dell’olio, che alcune hanno in misura adeguata e altre insufficiente. E’ forse un’immagine della fede? Direi di no, se la fede è un dono di Dio e anche se ci ricordiamo che le parabole sono racconti che vogliono suscitare un’emozione, una domanda, e non metafore esatte o allegoriche.
Ognuna delle giovani ha le risorse per sé, ma ciò che le accomuna è l’attesa del momento della festa.
Come in altri testi profetici, il momento della festa diventa tempo di giudizio. E questo rovesciamento ci porta a fare alcune considerazioni.

In primo luogo, ricordiamoci che non siamo noi lo sposo (Cristo) che arriva e chiude la porta, ma siamo piuttosto le giovani donne in attesa. Non dobbiamo sostituirci a chi deve arrivare, ma invece prendere sul serio la componente escatologica del giudizio. Tutto si gioca nell’attesa, eppure tutto si chiude quando arriva lo sposo.

Certo, in passato, tutti erano molto più certi del giudizio e indicavano con forza chi stava dentro o  fuori dal portone della festa: Lutero e il papa, barbetti e papisti.
Oggi, non per buonismo, ma per la nostra conoscenza di quanta violenza porta con sé l’arroganza religiosa, noi prendiamo le distanze da questo divino giudicante.
E al tempo stesso sappiamo che c’è un giudizio su di noi. Un giudizio sulla mancata accoglienza, un giudizio su questa economia di rapina, un giudizio sul nostro sfruttamento del pianeta.
La porta chiusa è già in ciò che viviamo, nella paura che ci opprime, nel disastro ambientale, nella violenza che esplode nelle relazioni tra uomini e donne.
Sappiamo vederlo maggiormente nel passato, la Shoah, meno in ciò che siamo oggi.

D’altra parte la nostra parabola affianca altri detti di Gesù sull’ultimo giorno, detti in cui, a volte, il giudizio è dovuto al cattivo comportamento, a volte solo al trovarsi in un luogo o in un altro [cfr. Mt 24,40: “Allora due saranno nel campo: l’uno sarà preso, l’altro lasciato. Due donne macineranno al mulino: l’una sarà presa e l’altra lasciata”].
La conseguenza è una sola: “Siate pronti”.
E non conta neppure vegliare con atteggiamento ascetico che rinnega la materialità della vita. Infatti, tutte e dieci le giovani sonnecchiano, tanto le avvedute quanto le stolte. Allora, che cosa significa “essere pronti”?.

Essere pronti non sarà, forse, intraprendere quella relazione con Dio che fa dire al Cristo “vi conosco, entrate con me”?  Ma il movimento va da Cristo a noi. Pensiamoci: se le cinque senza più olio non si fossero fatte prendere dal panico e dall’ansia di prestazione, non sarebbero entrate con lo sposo? Infatti, di quale creatura il Signore può dire: “io non ti conosco”? Dio è l’immensamente lontano e intimamente vicino.

Così comprendiamo un po’ meglio il testo: c’è un giudizio, ma non sta a noi esprimerlo. C’è un essere pronti che forse è solo lasciar fare a Dio, come afferma Lutero, poiché noi siamo sempre mendicanti, e la luce la riceviamo da Dio più che portarla noi.
Possiamo evitare di fare gli errori delle dieci vergini, di dare consigli sbagliati basati su ciò che sappiamo di noi e non dell’altra, di andarcene per ansia a cercare delle risorse spirituali, quando si tratta di avere fiducia.
Soprattutto possiamo e dobbiamo evitare di farci paladini di un divino che chiude le porte invece di aprirle.
E questo anche pensando a Edith Stein. Avremmo meno persone come lei da piangere, meno annegati nel canale di Sicilia. Avremmo un mondo senza armi nucleari e senza la minaccia di usarle.
Quando viene lo sposo deve essere una festa e non una strage!

Attendere e vegliare, con o senza lampade, ma con la fiducia che quella porta si apre, è uno degli obiettivi del popolo ecumenico.
Un movimento che non allontani nessuno dalla venuta di Cristo, che non faccia credere a nessuno di non essere bene accetto, ma vegli e preghi perché la misericordia di Dio crei un mondo aperto e tollerante già nel tempo non breve dell’attesa che ci troviamo a vivere.

Pastora Letizia Tomassone Predicazione del 9 agosto 2017 durante la liturgia al Monastero di Camaldoli per la festa in memoria di Edith Stein

 

 

linea_verde

I Valdesi sono cristiani che appartengono alla famiglia delle chiese evangeliche o protestanti. La Chiesa Valdese di Firenze è organizzata in libera comunità locale, autonoma, unita alle altre che formano la Chiesa Valdese da una comune confessione di fede e dalla disciplina del suo Sinodo. L’organizzazione delle chiese valdesi è di tipo presbiteriano sinodale.
Dal punto di vista dottrinario questa chiesa crede e testimonia quanto è insegnato dalla Sacra Scrittura secondo la riscoperta del Vangelo compiuta dalla Riforma e si sente fortemente impegnata sul piano sociale.

linea_verde

 

Centro Comunitario Valdese e casa pastorale
Via Manzoni 21 - 50121 Firenze - Cell. 3311001367 Tel. 055 2477800

Eventi e Agenda della comunità

Riforma

Culto Radio e Protestantesimo in TV

NEV Agenzia Stampa Notizie Evangeliche

linea_verde


Adozione a distanza, Sostegno a distanza, adozioni a distanza
Diciamo a ogni bambino:
non sei solo al mondo!

Fai una donazione o regalo solidale

Adozione a distanza compassion Italia



 

badge rss2   Agenda della Comunità

E' uscita Diaspora si SETTEMBRE_OTTOBRE


In primo piano

Dal 17 al 24 settembre Settimana mondiale della pace in Palestina e in Israele

Tempo per il Creato dal 1 settembre al 4 ottobre 2017

La Chiesa Valdese di Firenze, in collaborazione con la Fucina della nonviolenza, propone la visione di due film-documentari

Una Bibbia tutta nuova

La Diaconia Valdese Fiorentina accoglie pminori senza adulti di riferimento nell'ambito del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati attivato dal Ministero degli Interni. Richiesti volontari


Dialogo ecumenico

«Credo che le intenzioni di Martin Lutero non fossero sbagliate. Era un riformatore»

La famiglia, tra aperture significative e schemi (e gabbie) tradizionali commenti di Paolo Ribet, coordinatore della Commissione “Famiglie, matrimonio, unioni civili”, all’Esortazione apostolica post-sinodale “Amoris Letitia” scritta da papa Francesco.


A Ginevra storico accordo tra Unicef e Consiglio ecumenico delle chiese

Jan Hus, riformatore della Chiesa e riferimento culturale di una nazione

Bisogna disarmare le religioni

Il Consiglio Ecumenico delle Chiese (WCC) chiama le chiese a parlare contro la corruzione aderendo all'iniziativa EXPOSED far risplendere una luce sulla corruzione.


Visita il sito dedicato ai Luoghi storici valdesi

Dizionario biografico dei protestanti italiani


Attualità

Insieme contro la carestia. A Nairobi le chiese africane con il World Food Programme

Il Creato non è in vendita

Cop22, passi incerti verso un futuro rinnovabile

L’acqua al centro della XI Assemblea della rete cristiana europea per l’ambiente

Sviluppo Sostenibile
Il movimento ecumenico mondiale a favore di un'”economia di vita”

«Il futuro che vogliamo»

Il movimento ecumenico: Si poteva fare di più
"Gli aspetti positivi ci sono"

Violenza sulle donne:

Anche l’Italia rilancia la campagna HeForShe

"16 giorni per vincere la violenza"
quaderno predisposto dalla Federeazione Donne Evangeliche in Italia (FDEI)

Carceri:

Il pastore Sciotto: nel lavoro con i minori ci dovremmo impegnare di più

Una mansarda per sentirsi a casa

Libertà religiosa:

Una petizione per chiedere al governo l'impugnazione della legge "anti-moschee" del Veneto

Insediato al Viminale un nuovo Consiglio per le relazioni con l’Islam


Temi Etici

Unioni civili:
- I rappresentanti delle chiese valdesi, metodiste, battiste e luterane italiana commentano positivamente l’approvazione definitiva della legge in Parlamento

La "questione" del gender

Un tentativo di fare chiarezza nelle confuse polemiche intorno alla cosiddetta teoria del cosiddetto genere di Luisa Muraro
L’ideologia gender esiste, ma non è quella che ci raccontano di Peter Ciaccio
Questioni di Gender – Teoria vs ideologia di N.Vassallo
Scuola: non esiste una «teoria gender» di Silvana Ronco
Gender e Chiese: dove sta l’ideologia? di Letizia Tomassone

Il caso dei libri ritirati dalle scuole a Venezia

L’educazione sessuale si basa sulle direttive dell’Organizzazione mondiale della Sanità

Bioetica

Approvata alla Camera la proposta di legge sul testamento biologico

Bioetica. Savarino: i protestanti italiani sul fine vita

Bioetica: un valdese nel gruppo di lavoro delle Chiese europee

Protestanti e bioetica: nuove frontiere di riflessione

Dalle chiese europee una riflessione equilibrata sulla fine vita a cura di Federica Tourn

La commissione bioetica della Tavola valdese su testamento biologico


Argomenti vari

Ambiente

Famiglia, Coppie di fatto, DICO

Eutanasia e testamento biologico

Staminali embrionali. La svolta americana, il dogmatismo italiano di Paolo Naso

Documento sulle cellule staminali

Libertà religiose

Contro la pena di morte

Contro l'omofobia
  
Legge 194



Contattaci
Ultimo aggiornamento: 16 settembre 2017
© 2005 Chiesa Evangelica Valdese Comunità di Firenze